La nostra storia

Le origini

L’origine di Jean Vigo Italia si identifica con la Cooperativa Jean Vigo, costituita nel 1976 per produrre il film Forza Italia!, un affresco satirico e spietato del potere politico del tempo. Il titolo curiosamente riecheggia il nome del partito fondato da Silvio Berlusconi molti anni più tardi, con cui ovviamente il film non ha nulla a che vedere.

Il primo film

Forza Italia! fu realizzato dai soci fondatori della Cooperativa Jean Vigo, tra cui Roberto Faenza, Elda Ferri, Marco Tullio Giordana, Luca Magnani, e Antonio Padellaro; nonostante il successo il film venne ritirato dalle sale il 16 marzo 1978, giorno del sequestro di Aldo Moro. E proprio Moro durante la sua prigionia ebbe a scrivere del film, suggerendo di vederlo per rendersi conto della spregiudicatezza dei suoi colleghi di partito.

L’inizio di un percorso virtuoso

Dopo questa prima esperienza, la Cooperativa Jean Vigo (successivamente trasformatasi in S.r.l.) comincia a coltivare il progetto di produrre film di qualità capaci di documentare punti di vista anche controversi, in ciò fedele all’insegnamento di Jean Vigo, il regista francese dal quale ha preso il nome, autore di indimenticabili pellicole sulla libertà quali Zero in condotta, A proposito di Nizza, L’Atalante.

Vengono così realizzati: La festa perduta, il primo film italiano sul terrorismo firmato da Piergiuseppe Murgia; Maledetti vi amerò, che segna il debutto alla regia di Marco Tullio Giordana; Le chiavi di casa di Gianni Amelio; I Demoni di San Pietroburgo, ritorno alla regia di Giuliano Montaldo; Last Summer per la regia di Leonardo Guerra Seragnoli; quasi tutti i film di Roberto Faenza, da Sostiene Pereira a Prendimi l’anima, Alla Luce del Sole, sino a I Vicerè, Un Giorno Questo Dolore Ti Sarà Utile, Anita B., liberamente ispirato al romanzo di Edith Bruck “Quanta Stella c’è nel Cielo”., sino al recente La verità sta in cielo, ispirato alle vicende di Emanuela Orlandi, la cittadina vaticana misteriosamente scomparsa nel 1983; oltre a una serie di documentari su argomenti che vanno dalla primavera di Praga alla musica gitana passando per una lettura molto particolare della Costituzione italiana.

Presente e futuro

Jean Vigo Italia, in associazione con The Andrei Konchalovsky Foundation for the Support of Cinema and Scenic Arts, ha appena ultimato “Il Peccato” per la regia di Andrei Konchalovsky. Il film, in fase di edizione, è incentrato sulla vita e l’opera di Michelangelo Buonarroti, la materia e la complessità del mondo nel quale ha vissuto.

Tra i progetti futuri di Jean Vigo Italia:

“5 è il numero perfetto” – Il film è la trasposizione cinematografica di “5 è il numero perfetto” Graphic Novel scritta e disegnata da Igort (Igor Tuveri). La storia narra un apparente crepuscolo e la rinascita secondo valori umani di un uomo dedito al crimine violento per tutta la sua vita. Un’iniziazione alla vita, una scoperta di prospettive altre del tutto inattese.

“Resilient” – Basato sulla vita di Mario Capecchi, Premio Nobel per la Medicina nel 2007. Una storia straordinaria e avventurosa della trasformazione di un ragazzo “selvaggio” in scienziato di fama mondiale.

“Arpad Weisz. Il campione dimenticato” – Tratto dal libro “Dallo scudetto ad Auschwitz” di Matteo Marani, il film racconterà la storia di un grande sportivo e un uomo eccezionale investito da un destino crudele e ingiusto, come è successo a sei milioni di ebrei.

“Quando eravamo eroi” – Tratto dall’omonimo libro di Silvio Muccino. Un film sulla trasformazione e l’evoluzione. Cinque amici che hanno condiviso l’adolescenza e la prima giovinezza, attraversando insieme quella delicata fase di cambiamento in cui ci si sente inevitabilmente soli e diversi. Adulti irrisolti e cristallizzati in una realtà che non li soddisfa, si renderanno conto che non è tardi per cambiare e scegliere chi essere.

“L’imperfezione del male” – Serie ispirata ai quattro romanzi di Piergiorgio Pulixi (Una brutta storia, La notte delle pantere, Per sempre, Prima di dirti addio) e a un racconto breve (Meninos de rua), con al centro il capo di una squadra narcotici di una città del nord, Biagio Mazzeo, accompagnato da una galleria di coprotagonisti, donne e uomini altrettanto ben scolpiti. Una sorta di saga ambientata in un dipartimento particolare della polizia italiana.

“Rinascimento” – Serie ideata e scritta con l’intento di restituire al Rinascimento i suoi valori, la sua bellezza, il suo stupore, ma anche i suoi intrighi, la sua crudeltà e soprattutto la sua incredibile spettacolarità, raccontando l’anima di un intero secolo come quello del Rinascimento italiano dove si muovono i più grandi artisti, gli spiriti più liberi, ma anche i personaggi più corrotti, crudeli e violenti.

Leggi anche